CSI 5* W – ZURIGO 28-29-30 Gennaio 2011
FOR

EW- (35)

Si è appena concluso il Csi*****W di Zurigo, tappa del Rolex Fei World Cup,  che ha visto competere i più grandi binomi della scena internazionale. Grandi emozioni, percorsi tecnici studiati dallo Chef de Piste tedesco Frank Rothenberger, e grossi premi in denaro, hanno creato una miscela che ha assicurato agli spettatori nei giorni di 28-29-30 Gennaio, uno spettacolo degno di questo nome.

Le due categorie più importanti del concorso sono state il Rolex Grand Prix, di sabato e la Mercedes Classic – Rolex FEI World Cup della domenica. 
In sella a Tinka’s Serenade Billy Twomey ha vinto il Rolex Grand Prix,  con ostacoli alti m.1,55 . Oltre 13.000 spettatori hanno assistito alla prova dell’irlandese al CSI 5* di Zurigo, dove  il veloce cavaliere  trentaquattrenne  di Nottingham si è aggiudicato ben tre categorie.
Al secondo posto lo svizzero Pius Schwizer su Carlina, terzo posto per  lo svedese Rolf-Goran Bengtsson su Ninja La Silla.

La Mercedes Classic – Rolex FEI World Cup categoria che, secondo la formula prevista, permette solo ai netti di accedere ad un ulteriore giro per accaparrarsi i piani alti della classifica, è andata a  Marcus Ehning su Noltes Küchengirl con 0 penalità e un tempo di 40.03. In seconda posizione troviamo Ben Maher su Robin Hood con 0 penalità ed un tempo di 42.10 sec. Invece al terzo posto troviamo l’amazzone Edwina Alexander che su Cevo Itot du Chateau totalizza un punteggio di 0 penalità e un tempo di 42.41. Consolante debutto  in un gran premio di Coppa del Mondo  per Luca Moneta che ha chiuso la sua prova con 8 penalità

Il percorso del Gran Prix, ideato dal famoso Chef de Piste tedesco Frank Rottembergher, ha messo a dura prova i binomi iscritti.

Sin dai primi partenti del percorso base, le difficoltà principali si sono manifestate nella doppia gabbia e nella spezzata 9AB – 10.

La doppia combinazione (ostacolo n. 8 ) è risultata molto “difficile” in quanto  era preceduta da un verticale a sole tre falcate di galoppo abbastanza “lunghe”. La linea che ne scaturiva rendeva  problematico l’ingresso nella combinazione. A questo punto i cavalli dovevano affrontare i primi due elementi della combinazione, un verticale e un oxer considerevolmente profondo separati da un tempo di galoppo  lungo, per poi trovare il terzo elemento, un verticale di tavole, a un tempo discrtamente corto.

Gli ostacoli più abbattuti sono stati infatti il secondo e terzo elemento della doppia: vi erano non pochi problemi di copertura sull’oxer ( B ) per chi non riusciva ad aprire il galoppo nella prima combinazione; invece per chi esagerava tra 8A e 8B la tavolina leggera a un tempo corto del 8C era in agguato.

Subito dopo I binomi dovevano affrontare un’altra combinazione (ostacolo 9A e 9B), questa volta di oxer a 2 tempi di galoppo, seguita da una spezzata in controdiagonale con un verticale beige molto delicato. E’ stato proprio l’appello alla gabbia a “mietere più vittime”. La spezzata si poteva affrontare in 4 o in 5 tempi di galoppo ma si è visto che la prima opzione ha dato I migliori risultati.

In conclusione nel tratto 7 – 8 – 9 e 10 i mezzi dei cavalli andavano veramente usati tutti!

Insomma non si può certo dire che non siano stati tre giorni molto intensi ed emozionanti al cui termine troviamo nella classifica ROLEX FEI WORLD CUP™ JUMPING 2010/2011 al primo posto il francese Kevin STAUT ,al secondo posto l’amazzone Meredith MICHAELS-BEERBAUM e al terzo posto lo svedese Rolf-Göran BENGTSSON,quindi non  resta che dare l’appuntamento a tutti gli amanti e gli appassionati a Bordeaux dal 4 al 6 febbraio per la tappa successiva del ROLEX FEI WORLD CUP™ JUMPING 2011 e su questo sito per una nuova recensione.

Matteo Massaglia – direttore di campo

I commenti sono chiusi.